Come effettuare un Re-Brand in 3 semplici step

Quando un cliente ci chiede di ridisegnare il suo Brand, sappiamo già che sarà un grosso lavoro. Infatti fare un re-brand completo, può essere un compito più duro che disegnare un nuovo logo e passare dallo sketch del logo all’immagine di brand, ma in qualche modo, possiamo sfruttare a nostro vantaggio le limitazioni di un brand esistente. Bisogna come in ogni progetto studiare una strategia, in modo che il progetto non ci spaventi troppo. Per rendere le cose più semplici, abbiamo stabilito 3 semplici step che ci guidano in un processo di rebranding, dall’ispirazione al lancio.

Step Uno: RICERCA

Un Rebrand implica un lavoro che vada oltre il semplice modificare lievemente il logo attuale; ci deve essere una ragione dietro il cambiamento e quel cambiamento deve riflettersi nel logo. Prima di iniziare quindi, è essenziale fare una ricerca di questo tipo.

Perchè il cliente vuole il re-brand?

Ci sono diversi motivi per cui un’azienda potrebbe avere la necessità di un aggiornamento, ma dovremmo interessarci al vero motivo per cui l’azienda del cliente viene aggiornata. Forse è proprio quello che è, una semplice rinfrescata. Forse il cliente vuole che l’aspetto della loro azienda rifletta i tempi moderni e come i loro clienti siano cambiati. Oppure, forse c’è stato qualche cambiamento strutturale in azienda, come una fusione o un take-over. Potrebbero invece volere riposizionarsi nel mercato per mirare ad un pubblico diverso o per ottenere un vantaggio competitivo. Potrebbero anche stare cercando di allontanarsi da una scarsa reputazione, come accadde alla British Petroleum.

Questi motivi significheranno tutte cose diverse per un progettista. A seconda di quale sia la ragione reale, potremmo fare piccole modifiche o creare un’immagine completamente nuova, come in questo esempio del cambio di logo della Amalgamated Bank ad opera della Pentagram. Qui l’azienda ha deciso di optare per un logo che meglio rappresenti la loro identità. Lo schema di colore simula quella della bandiera della città di New York, dove è stata fondata la banca, e l’immagine astratta simboleggia la forza e l’incontro, che può identificare il naming della banca “amalgama”.

re-brand amalgamated bank

Ottenere feedback sul logo corrente

Quando una società si approccia ad un rebrand, di solito mantiene almeno un paio di aspetti del brand attuale. Ma quali aspetti? Bisogna fare un’analisi con il cliente affinché si possa discutere esattamente di cosa fanno e cosa non amano nell’identità visiva della loro società al momento. Vi piacciono le immagini ma non lo schema dei colori? Pensate che lo stile sia troppo formale? Queste sono domande a cui dare delle risposte, e che serviranno come linee guida.

Considerare il marchio dei concorrenti

Quando si tratta di branding, il segreto della longevità è l’unicità. Alcune persone parlano di mantenere il marchio e il logo semplici in modo che possa adattarsi col tempo, indipendentemente dalle tendenze del design. Ma se vuoi veramente resistere al test del tempo, hai bisogno di un’immagine di marca che sia distintivo. Una volta che hai uno stile che la gente può riconoscere istantaneamente, tutto quello che devi fare è aggiornare l’aspetto ogni pochi anni per impedirgli di risultare obsoleto. Basta dare un’occhiata a come il logo di Google si è evoluto nel tempo, nessuno potrebbe argomentare che non è immediatamente riconoscibile, ma si è sempre mantenuto alla moda.

evoluzione logo google

Qual è la nuova personalità dell’azienda cliente?

Forse il pezzo più importante di ricerca per il Re-brand che dobbiamo fare, è scoprire quali tipo di emozioni e sensazioni il nostro cliente sta cercando di evocare all’interno dei loro clienti, proprio come si farebbe quando progettiamo un marchio da zero. Il cliente potrebbe chiedere un re-brand proprio perché cerca di cambiare la personalità del proprio marchio. Se è così, è necessario comprendere sia la nuova personalità che quella vecchia in modo da poter comunicare la modifica all’interno del logo (proprio come dicevamo prima per amalgamated bank).

È importante notare qui che la creazione di una personalità di marca dovrebbe iniziare sempre dialogando con i clienti per scoprire cosa vogliono. Il cliente potrebbe avere un’idea di come vorrebbero che la propria impresa venisse percepita, ma se si discosta troppo dalla “percezione” della marca che hanno i clienti si rischia di non essere efficaci.

Step Due: VISUALIZZAZIONE

Ora che abbiamo raccolto tutte le informazioni possibili sull’azienda cliente, possiamo approcciare con idee e ispirazioni per il progetto di Re-Brand. È giunto il momento di metterli su carta.

Stabilire alcune linee guida

Sulla base della nostra ricerca, soprattutto sulla personalità di marca, prendiamo un po ‘di tempo per stabilire alcuni elementi di design di base per il Re-Brand. Avere uno schema di colori definito aiuta il riconoscimento del marchio all’80%, un buon punto di partenza. Lo schema di colori potrebbe anche essere una delle cose principali che il cliente desidera cambiare. Dopo aver creato uno schema di colori ben definito, si passa alla tipografia, un altro aspetto del design che può aumentare il riconoscimento del marchio.

Se ci sono difficoltà nello stabilire uno schema colori ed una gerarchia tipografica, continua a seguirci ed affidati per il tuo lavoro di rebrand a professionisti, come noi.

Testare l’idea

Un progetto di Re-Brand (come quello di creazione di un brand da zero) è molto più che progettare un biglietto da visita o un logo, è necessario creare immagini per tutti gli aspetti della presentazione visiva dell’azienda. Questo include il loro logo ed i biglietti da visita, ma anche il sito web e la presenza sui social. Il logo, probabilmente, verrà utilizzato anche su diversi media. Il tuo progetto finale deve lavorare su tutte queste piattaforme, quindi oltre alla progettazione ha senso testare i diversi aspetti d’uso del marchio.

Step Tre: IL LANCIO

Avere tutto pronto

Una volta consegnato tutti i file necessari al cliente, non c’è molto di più da fare. Il cliente in realtà, prima del lancio dovrebbe aver creato l’aspettativa, costruendo un percorso di anticipazione per il cambiamento del marchio in tutti i suoi canali, e dovrebbe anche continuare a promuovere il cambiamento in seguito. Al momento del lancio, ovviamente vorranno caricare i nuovi disegni in tutte le loro piattaforme contemporaneamente, pertanto è necessario assicurarsi di aver fornito loro tutti i pezzi necessari, tutti i file in ​​diversi formati e dimensioni.
Noi per ovviare a possibili dimenticanze abbiamo creato una nostra struttura automatizzata. Questo significa che alla consegna avrete tutti i file necessari a svolgere il vostro lavoro.

Speriamo che dopo aver letto questo blog tu ti senta pronto alla sfida della revisione completa del marchio. Se desideri suggerimenti più specifici su come progettare un logo, non ti preoccupare, puoi contattarci per richiedere un preventivo!

Lascia un commento

Corsi di formazione professionale che permettono una formazione altamente specializzata sui più diffusi software di creazione grafica e pubblicitaria.
In questi corsi si forniscono anche accenni alla composizione e alla comunicazione, senza dimenticare i principi base per ottenere delle buone stampe.

corsi illustrator base

Corso base-intermedio di Adobe Illustrator

il corso per partire alla grande con il software vettoriale di casa Adobe

Il corso base-intermedio di Adobe Illustrator verte sull’utilizzo di tutti gli strumenti vettoriali offerti dal software, incluse le nuove funzioni per la modifica del colore, i nuovi tools per disegnare, la nuova gestione dei tracciati e degli oggetti raggruppati e la nuova funzione per creare tavole da disegno multiple all’interno di un unico documento.
Tutti questi strumenti, consentono all’utente di lavorare al top della qualità. A completare il corso, importanti nozioni, relative a colore, risoluzione, e differenze tra grafica raster e vettoriale.

Qui si impara a fare le cose da grandi.

corsi illustrator avanzato

Corso avanzato di Adobe Illustrator

il corso avanzato per scoprire i segreti del software vettoriale di casa Adobe

Il corso avanzato di Adobe Illustrator verte sull’utilizzo di tutti gli strumenti avanzati offerti dal software, incluse le trame sfumate per il colore, i nuovi tools per disegnare, la nuova gestione del flusso lavorativo partendo dal pannello aspetto. Tutti questi strumenti, consentono all’utente di lavorare al top della qualità.
Il tutto è finalizzato a massimizzare le capacità e ridurre i tempi di esecuzione dei vostri lavori.

Questo è come l’ingresso di Hogwarts, qui si imparano le formule magiche.

corsi photoshop base

Corso base-intermedio di Adobe Photoshop

il corso per muovere i primi passi nel fotoritocco targato Adobe

Il corso base di Adobe Photoshop si prefissa di dare le giuste basi, a chiunque voglia imparare a conoscere il software di elaborazione delle immagini digitali per eccellenza.
Un corso teorico e pratico, per muovere i primi passi nella giusta direzione. Dedicato a chi vuole approfondire le sue conoscenze ed a chi non vuole improvvisarsi.

Qui si parte con il piede giusto.

Corsi photoshop avanzato

Corso avanzato di Adobe Photoshop

il corso per gestire da professionista il software fotografico di casa Adobe

Il corso avanzato di Adobe Photoshop si traduce in massima qualità e velocità mantenendo i file leggerissimi e gli interventi non distruttivi. Significa che potrai sempre tornare indietro e correggere in modo diverso la tua foto, senza buttare tutto e ricominciare da capo.
Il tutto è finalizzato a massimizzare le capacità e ridurre i tempi di esecuzione dei vostri lavori.

Qui scoprirai che la bacchetta magica la puoi usare solo se ti chiami Harry.